Per l’Italia è arrivato il momento di entrare nel nuovo millennio

Da un lato c’è quella parte d’Italia in cui non mi stupirei di trovare per strada, al posto delle auto, le carrozze e i cavalli. Cioè quell’Italia in cui entri in un bar per la pausa pranzo e se chiedi di pagare con il bancomat ti guardano come se avessi insultato la mamma. E non ci sono riferimenti geografici precisi, dal momento che la situazione appena descritta la si può riscontrare nel centro di Milano, così come nella periferia di Caltanissetta.

E’ indubbio che altri Paesi si stiano muovendo molto più velocemente sul versante dei pagamenti virtuali, cioè tutte le forme che non implicano l’uso del contante: dall’uso di carte di credito e bancomat, all’utilizzo dei sistemi contactless delle carte stesse fino ad arrivare all’utilizzo dello smartphone per effettuare le transazioni.

Ci sono tantissimi buoni motivi per spingere in questa direzione.

Carte e smartphone sono meno ingombranti del portafogli

Ci sono momenti della mia vita in cui il portafogli assume uno spessore imbarazzante. E non di certo perché esonda di banconote viola, ma perché riesco ad accumulare qualsiasi tipo di inutilità al suo interno: documenti, carte, biglietti da visita, scontrini, ecc… Questo rischio non si corre quando invece si portano in giro solamente carte di credito, bancomat o, ancor meglio, lo smartphone.

Tutto è tracciabile

In un Paese in cui va molto di moda il nero, e non perché si parla di vestiti che “sfinano”, i pagamenti elettronici consentono una tracciabilità che altrimenti il contante non permetterebbe.

Non c’è rischio di dimenticare lo smartphone

Parliamoci chiaro: ormai il 99% della popolazione non si muove, né esce di casa, senza essersi assicurato di avere in tasca lo smartphone. Poco importa che si dimentichi le chiavi, l’ombrello, gli occhiali, la testa… L’importante è avere il telefono. Ecco, questo ha anche il vantaggio che non ci dimenticheremmo più il metodo di pagamento.

Se li si perde c’è modo di rimediare

Ma mettiamo anche che qualcuno perda (o venga derubato) le carte o lo smartphone: esistono sempre modi per bloccare il tutto ed evitare usi indesiderati del proprio denaro. Con le banconote è molto più difficile; anzi, quando le si perde possiamo già star sicuri di fare “ciao ciao” con la manina ai nostri soldi.

Ecco perché oggi vi parlo con estremo piacere, secondo solo al piacere che provo nel lamentarmi di qualcosa, di Vodafone Pay. Vodafone Pay è il sitema che permette  di fare acquisti in tutti i negozi dotati di un POS contactless. Tutto ciò che serve è uno smartphone (Android) che va semplicemente avvicinato al POS per pagare senza nemmeno cercare l’applicazione sul telefono. I pagamenti sotto i 25€ sono immediati, mentre per autorizzare importi superiori, basta scegliere il proprio PIN da inserire sul POS.

Vodafone Pay

Pazzesco, no?

Senza dimenticare che, oltre ai vantaggi che ho elencato sopra, ci sono ulteriori lati positivi:

  • Dati sempre al sicuro: non è necessario aprire il portafogli davanti a tutti e mostrare i dati della tua carta
  • Le spese sono sempre sotto controllo: per ogni acquisto si riceve una notifica dall’app Vodafone Wallet.
  • La sicurezza della SIM: le informazioni delle tue carte di pagamento sono custodite all’interno della SIM NFC, per garantirti il massimo della sicurezza
  • Sicuro, anche in caso di furti: si può bloccare il servizio con una chiamata al Servizio Clienti e continuare a usare senza rischi le carte fisiche.
  • Comodo, anche col cellulare scarico: Vodafone Pay si può usare anche quando  si scarica lo smartphone, grazie alla SIM NFC.

Vodafone Pay Taxi

BuzzooleInsomma, grazie a Vodafone Pay potrete finalmente vivere una #EasyLife all’insegna del #maipiùsenza (denaro, tempo, preoccupazioni)!

Tutte le informazioni le potete trovare a questo link: http://l12.eu/vodafone-728-au/G9CY8S2KBHJAYQ4CPB29.

Buzzoole

Signor Ponza
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza

@signorponza

Andrea is like Emma Bunton: shy on the outside, but such a nasty bitch inside | Instagram, 👻: signorponza | @signorponzablog e #PZSQ (per 1/4) sono colpa mia
@_Sebs_ tu fatti bella per te - 2 ore ago
Signor Ponza

Commenti via Facebook

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: