Maria de Filippi e le conduttrici del Festival di Sanremo

Ebbene sì, dopo l’Epifania non ci resta che prepararci spiritualmente alla quaresima che precede l’evento dell’anno: il Festival di Sanremo!

Lo sapevate che il primo Festival a colori fu trasmesso nel 1977? Ed è sempre in questa data che la gara canora sceglie, al posto del Casinò, il Teatro Ariston, fatta eccezione per il 1990 quando fu in diretta dal Nuovo Mercato dei Fiori.

Lo sapevate che è dal 1960 che gli artisti della Kermesse possono scegliere il proprio look? Infatti prima era appannaggio del programma.

Lo sapevate che prima del 1964 non erano ammessi cantanti stranieri? Lo stesso anno è anche ricordato per l’introduzione del playback da parte di Bobby Solo che ne causò la squalifica.

Lo sapevate che le prime donne a condurre il Festival di Sanremo furono Lilli Lembo e Giuliana Calandra? Presentano infatti le prime serate della kermesse del 1961 per lasciare poi la gestione dell’ultima ad Alberto Lionello.

Se a tutte queste domande la risposta è stata “Milazzo”, avete fatto bene sappiate che era un arguto stratagemma per ciurlare nel manico e arrivare al succo del discorso: le donne che si sono succedute alla conduzione del Festival! Eh già, è vero… Manca ormai poco alla settimana santa della musica italiana. Il programma per grandi e piccini che tanto ci piace e ci fa battere forte il corazon.

Per il terzo anno consecutivo (anche un po’ basta) il cioccolatino più amato da Mamma RAI torna a calcare il palcoscenico del Teatro Ariston, ma a quanto pare con una grossa novità. Alla co-conduzione i tabloid vogliono il nome della instancabile, imperturbabile, inarrestabile Queen Maria de Filippi. In questi mesi noi della Redazione di Signorponza Blog abbiamo rifiutato le svariate proposte come valletti, anche se alcune indiscrezioni sono trapelate (dovete sapere che la blogger famosa a fianco di Conti infatti non era la paladina delle insalate Chiara Ferragni, ma la nostra Wannabefre). Ma torniamo alla notizia CHOC e apriamo la busta. A scendere dalla scala quest’anno non sarà un corteggiatore, non sarà un tronista, e non saremo nemmeno a Cinecittà. Il timone della Kermesse spetterebbe alla regina di Fascino: Maria De Filippi.

Maria non sarà però la prima donna a condurre il Festival, come ci ricorda il breve excursus storico che vi abbiamo preparato.

Era il lontano  1978 quando  Stefania Casini, attrice, doppiatrice e regista, viene incoronata ufficialmente “prima donna a condurre il Festival di Sanremo”, nonostante l’ingerenza di Vittorio Salvetti.

Il 1986 vede come regina la poliedrica  Loretta Goggi.
La sua edizione ebbe un grandissimo successo di critica e pubblico.

È il 1989 quando Rosita Celentano, Paola Dominguin insieme a Danny Quinn e Gianmarco Tognazzi, ovvero i “figli d’arte”, conducono la ventottesima edizione del Festival di Sanremo in un tentativo di contaminazione tra generi che ottiene scarso successo e sarà ricordata soprattutto per le innumerevoli gaffe.

Da Carramba all’Ariston il passo non fu così immediato. Nel 2001 Raffaella Carrà tenta di bissare la Goggi, ottenendo però aspre critiche dall’allora first lady Franca Ciampi per l’eccessiva volgarità dei valletti: Enrico Papi e Massimo Ceccherini (e chi l’avrebbe mai detto). Povera Raffaella, per te musica e tv dal 2001 in poi non saranno più un binomio vincente.

Il 2004 è l’anno del mio animale guida di Simona Ventura.
La cinquantreesima edizione del Festival di Sanremo, nonostante la forza sulla carta, ottenne scarsi ascolti.Forte del successo de La prova del cuoco, Antonella Clerici approda invece a Sanremo nel 2010. La sua edizione vede trionfare Valerio Scanu e ottiene un ottimo successo in tutti i luoghi e in tutti i laghi.

Non ci resta che attendere la conferma della conduzione affidata a Maria De Filippi per iniziare davvero a chiederci che tipo di Festival sarà. Ma soprattutto come si comporterà Maria rispetto a chi l’ha preceduta.

GcomeGiorgio

GcomeGiorgio

Dalla campagna cremonese a Milano, andata senza ritorno. Colleziono papillon e figure di m***a. Ho una buona parola per chi se la merita e tante cattiverie gratuite per tutti. Mi piace scrivere anche se il mondo potrebbe vivere senza dovermi leggere e dire la mia anche quando non è richiesta. Il mio animale guida è Simona Ventura: Crederci sempre arrendersi mai!
GcomeGiorgio

@GcomeGiorgio

Nella precedente vita devo averne combinate troppe.
RT @signorponzablog: La politica che ci piace: @gcomegiorgio ci illustra i politici più sexy del mondo! https://t.co/dV5tI6Z6ZV https://t.c… - 1 settimana ago

Commenti via Facebook

comments

  • Piccolo appunto: L’edizione di SuperSimo non era molto forte sulla carta, perche’ quello fu l’anno del boicottaggio delle major, ed i cantanti in gara erano ancora piu’ meh del solito 😀

    • GcomeGiorgio

      Si, assolutamente d’accordo!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: