(Le) F.A.Q. (di) #AskFabry

Lo so, le pagine di questo blog senza di me sono come una puntata di Beautiful senza Brooke che cerca di farselo infilare dal marito di qualche figlia. Per fortuna torno a farvi il favore di leggermi, quindi posate il vostro telefono e smettetela di guardare WhatsApp, tanto non vi scriverà. Se siete degli abitué di questo spazio saprete già dove andremo a parare, al contrario le verginelle di questo blog dovrebbero prendere carta e penna e seguirmi nella presentazione di quella che è la rubrica che perfino Selvaggia Lucarelli non legge nonostante si parli male di lei un post sì e uno pure.

Ask Fabry nasce nel lontano 2010, quando questo blog era solo un semplice giornale di bordo della vita del proprietario, quando una notte di novembre egli sognò Padre Pio che lo intimava di condividere il proprio successo con me. Da allora parlo con voi ogni settimana due volte al mese quando Venere è nella terza casa del Capricorno. Ask Fabry è la rubrica con la erre minuscola, quel post della rete che nessuno si caga e che nessuno si vuole cagare, quello spazio dove possiamo parlare di tutto partendo dalle vostre domande. Sì, siete proprio voi i protagonisti di queste righe, voi con le domande che mi inviate quotidianamente all’originalissima mail askfabry@signorponza.com, presidiata da una delle stagiste pugliesi non retribuite della redazione. È vostra facoltà chiedermi qualsiasi cosa, sarò lieto di prendere spunto dai vostri dilemmi per parlare completamente di altro, cerchiamo però di non andare fuori tema. Dovreste anche sapere che il mio avvocato è felice di ricevere le vostre querele perché deve rifare il bagno nella casa a Porto Cervo, ciò non toglie che dovreste prendere tutto quello che dico con simpatica ironia, come se ve lo stesse dicendo Licia Colò. Dicevo che ci sono cose che non possono essere dette, per esempio io non disquisirò mai con voi di politica o economia, di alimentazione o religione perché credo che ognuno abbia il diritto di sbagliare da solo. Tutto il resto invece è materia di giudizio, dai crampi mestruali agli orari invernali della Metro, dalla tristezza dei pasti dei terroni fuori sede alla supremazia dell’Esselunga nel commercio al dettaglio. Il mio punto forte sono i sentimenti e le relazioni, perché ne capisco parecchio e ho grande successo in amore, vi conviene dunque approfittarne.

Il servizio di Ask Fabry è totalmente gratuito e continuerà ad esserlo anche qualora io diventassi famoso che tanto non capiterà mai, quindi tranquilli. Io mi chiamo Fabry e ho quasi trent’anni, lavoro in banca e mi piace riempire il corpo di provviste per l’Inverno. Ho una passione sfrenata per i film mentali grazie ai quali ho vinto diversi premi per la migliore sceneggiatura. Non ho nemmeno la metà del tempo per fare la metà delle cose che vorrei fare e l’altra metà lo passo a lamentarmi di non avere tempo. Sono fidanzato, sciocchini, quindi non provate nemmeno a mandarmi le vostre foto hot via mail. Per tutti quelli che si aspettavano un ritorno in grande stile ricordo che non faccio la social media manager della pagina Facebook del lievito Pane degli Angeli, e che quindi non ho tempo da dedicare ai miei hobbies. Quando ci riesco però ci riesco bene, e nel corso di questi ultimi anni abbiamo affrontato insieme i temi scottanti della vita. Qualche esempio?

In tempi non sospetti vi ho spiegato chi fosse la Donnamerda e come riconoscerla, vi ho aperto le porte al fedifrago mondo dei gay, di come essere proprio gay non sia sempre una passeggiata. Ho parlato con voi signorine di sesso, di relazioni e di amore. E adesso è il vostro turno, spegnete la televisione e smettetela di guardare le repliche de La Signora in Giallo, inviatemi la vostra domanda! Vi aspetto ogni giovedì su queste pagine e anche altrove, vi basterà avere un telefono per sapere sempre cosa abbia scritto in giro per l’internet, scaricate anche la mia app ufficiale (Dagli stessi sviluppatori del gioco di Kim Kardashian).

2013-07-01 11.52.02

Noi l’hashtag lo abbiamo messo prima di tutti.
Fabry
Livelli di egocentrismo da denuncia penale. Sto zitto solo quando dormo e ascolto solo quando si parla di me.
Fabry

@fabry_

Party goer.
"He held me in his arms / And he taught me to be strong." https://t.co/ah3mMsnjF6 - 2 settimane ago
Fabry

Commenti via Facebook

comments

  • E’ stato come quando lui te lo fa sudare e quando finalmente gli abbassi le mutande ti trovi davanti un bastoncino findus. Troppo cotto.
    Ma ti amo lo stesso e aspetto le prossime puntate <3

    • Serviva un “Previously on #AskFabry”!

      • si ma uno spera spera e… ARGH!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: