La convivenza, un male necessario per riuscire ad aprire le porte del paradiso

Mi sono sempre considerata una persona piuttosto vendicativa, irosa, invidiosa, non incline all’amicizia a tutti i costi. Molti potrebbero pensare che io sia molto vicina alla definizione di “persona di merda“, e in parte potreste aver ragione. Man mano che gli anni passano, mi rendo sempre più conto che, di questo passo, finirò certamente all’inferno, o più plausibilmente, in una zona del Purgatorio in cui si faranno beffe di me e del mio culetto sodo a furia di squat. Per espiare la colpa di essere dotata di un carattere veramente orrendo, ho deciso di intraprendere un percorso di purificazione.

La convivenza. 

La convivenza tra due persone che si amano è una cosa complicatissima, delicata, a tratti insostenibile. Dio ci pone davanti a delle scelte che vanno condivise con qualcuno che ritieni essere il compagno della tua vita. Scelte tra le più disparate, e per questo estremamente insidiose.
Qui ne vorrei elencare una serie, essendo comunque perfettamente consapevole che la lista possa essere pressoché infinita.

Chi si occupa della spazzatura?
A chi spetta il compito di controllare se gli avanzi in frigo sono ancora commestibili o se quella patina verdastra sopra la mozzarella ti sta urlando BUTTAMI VIAAA?

Come ci si organizza per la questione “tubetto del dentifricio“? Se la vostra metà lo sprimaccia senza ritegno a partire dal centro, è lecito iniziare a litigare con la stessa intensità con la quale si può discutere della scelta della scuola da far frequentare alla prole?

Chi è preposto non solo a organizzare la lavastoviglie, ma soprattutto a rimuovere le pentole pulite una volta terminato il ciclo di lavaggio? Io NERA ogni volta che devo svuotare la lavastoviglie. Compito ingrato tanto quanto quello di tagliarsi le unghie dei piedi.

Come responsabilizzare il partner affidandogli compiti, ma per i quali già se ne conosce l’esito estremamente negativo? Quando per vendetta per senso di condivisione chiedo al mio ragazzo di stirare, so già che in due ore saranno stirati quattro asciugapiatti e una maglietta. È vero il detto “chi fa da sé fa per tre”?


Qual ė limite del concetto di “condivisione”? Quando un in una convivenza è veramente troppo? La porta del bagno aperta? L’accoppiata io in doccia, tu intanto ti lavi i denti? Oppure il più temibile “bagno in condivisione con partner che intanto va a di corpo“? Capite bene che in questi casi è estremamente corretto e importante definire sin da subito delle regole, per evitare conflitti ed eventuali separazioni traumatiche. Se vi piace l’idea di vivere in una comune, queste regole saranno per voi estremamente superflue, per quanto mi riguarda anche no. Ognuno i suoi spazi, grazie.


Molte e molte altre sono le piccole situazioni di convivenza che mettono alla prova ogni giorno la nostra capacità di sopportare, comprendere, ascoltare, accettare. La strada della purificazione verso il paradiso è ancora lunga, ma sento di essere sulla buona strada.

Wannabefre

Wannabefre

Autore at Signorponza.com
Credo nell'ironia e nel sarcasmo come armi per conquistare il mondo. Sognavo di fare il prete, ma poi ho finito per studiare economia. Se però mi chiedete cosa sia il cuneo fiscale io vi rispondo che cuneo lo potete dire a vostra sorella, razza di maleducati. Vivo di pasta, sushi e Nutella sui biscotti di pastafrolla, pertanto credo che le persone che non mangiano siano meschine e abiette. Sono una figa, perché oltre ad avere gli occhi verdi e una faccia che si abbina ai centrotavola fatti all'uncinetto, so anche la tabellina del cinque a memoria. Il mio sogno di vita è essere pagata per trasformare ossigeno in anidride carbonica.
Wannabefre

@wannabefre

Mangiatrice di cachi, scrittrice di cacate. Speaker pazzesca, o meglio #PZSQ. Instagram, Snapchat, IBAN: sempre Wannabefre
@Ratatoskr33 <3 - 2 ore ago
Wannabefre

Commenti via Facebook

comments

  • honey84

    fossero la lavastoviglie ed il tubetto del dentifricio i problemi principali di una coppia!! 😛 io trovo bellissima la convivenza e sul fatto di ki fa le faccende domestike la prendiamo anke un po’ con ironia, scherzandoci sopra 🙂

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: