La mia personale denuncia contro il mondo del p*rno

Solitamente vi parlo di argomenti di scottante attualità perché sono una persona acculturata, ma oggi ho deciso che vi parlerò di argomenti scottanti e basta perché credo sia arrivato il momento di prendere le distanze da un mondo che tanto ci ha dato ma che sta rovinando un po’ tutta la nostra percezione del mondo e le sovrastrutture che applichiamo la realtà. Mi riferisco al mondo del porno e al suo allure di perfezione, lascivìa, puttanellitudine e concettualità per noi segaioli spettatori. Il mio è un atto di denuncia così serio che Martin Lutero LEVATI, un atto di presa delle distanze da un mondo surreale che ha creato in noi più aspettative false che i film della Disney.

Ecco alcuni punti chiave della mia tesi che potrete presto acquistare in formato eBook su Amazon a soli 45,30 euro:

Non tutti ti vogliono chiavare

A meno che tu non sia Gigi Hadid o Pietro Boselli, nella vita vera non tutti vorranno fare sesso con te. Nei film porno invece chiunque, anche il più roito dei roiti, può aspirare a cavalcare/farsi cavalcare da esseri umani con un livello di chiavabilità che nella vita vera sarebbero fuori dalla loro portata. Dallo studente magrolino che si sdraia la professoressa sulla cattedra in truciolato al signore di una certa età che adesca ragazzini/e barely legal con la stessa facilità con cui io riesco al massimo ad ordinare su Deliveroo. Tutti nel porno hanno la possibilità di farcela, noi che ci confrontiamo con la dura (lol) vita vera… no.

Non ci sono sassofoni ovunque

Già Beautiful ci ha insegnato che quando ci sono scene un po’ spinte deve partire in filodiffusione un assolo di sax. Sarà che “sax” suona come la parola “sex“? Non lo so, chi può dirlo. Fatto sta che nei porno c’è un lavoro di doppiaggio e pulizia di suoni ambientali incredibile: sentiamo solo i gemiti, qualche “tunf tunf” ripetuto e gli altri suoni più core dell’atto, recitati, netti. Ma dove finiscono i rumori imbarazzanti? Faccio un esempio su tutti: quello della schiena che fa le pernacchie su superfici lisce (tavoli, pavimenti, etc.) o delle pance che quando si è lievemente sudati si attaccano tipo ventose e fanno dei rumori che a me fanno personalmente solo scoppiare a ridere?

Non siamo tutti Yuri Chechi

Nel porno alcune posizioni vengono praticate con una semplicità estrema. Ci si intreccia e contorce facilmente, una roba che un po’ ti rassicura tanto che pensi di provarci poi nella tua vita privata. Ed inizia il dramma. Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare, ma anche tra il fare ed il chiavare perché sinceramente non capisco anatomicamente parlando come si facciano a far incontrare le “parti birichine” in quel contesto a meno che tu non sia Mr Fantastic e abbia parti intime estremamente flessibili… però non so, tra flessibile e rigido, in certi contesti forse meglio rigido eh… a occhio!

Ginocchia erogene ed affini

Cos’è una zona erogena? Una zona del corpo che è particolarmente sensibile e quindi in certi momenti di intimità, se stimolata, ha degli effetti “interessanti”. E no, non parlo per forza di quelle zone là… possono essere collo, orecchie, schiena… mi è capitato di conoscere gente con l’interno del ginocchio erogeno anche, giuro. Scoprire la zona erogena del partner è anche una cosa divertente, fa sperimentare, scoprire il corpo dell’altro… insomma, non è immediato (c’è anche chi non la ha o non sa di averla). Nei porno invece loro hanno tutta la loro pelle che è una macro zona erogena. Li puoi toccare sul gomito, sulla spalla, soffiare sullo stinco o dare un buffetto su uno zigomo che vedrai gemiti, tremolii, gorgoglii che c’è chi non emette nemmeno durante il rapporto vero e proprio.

Depilazione perfetta, pure il baffetto!

Avete mai visto una ragazza nei film porno con i peli sulle gambe? No. Avete mai visto un ragazzo in un film porno con peli pubici a cespuglio? No. Tutti hanno ceretta e controceretta fatta, trimming di ascelle e pube e anche il lato B a volte è così liscio che mi chiedo se non sia tipo stato plastificato come la patente. Ora è chiaro che in un film si tenda a presentare gli attori al loro meglio, ma le aspettative così diventano troppo alte. Se accarezzi qualcuno su una coscia magari strabuzzi gli occhi nel incappare nella lanuggine invernale della tua donna, idem se ti rimane qualche pelo sulla lingua… parlando tra le righe. E ragazzi… ci sta che prima di un appuntamento in cui sappiamo che andremo a fare gol ci prepariamo, ma anche quando nei video si tratta di una roba fatta al supermercato questi sono tirati a lucido!

La lettura del pensiero


“Aspetta spostati” “Così mi fai male” “Guarda è più giù…”: la comunicazione a letto è una cosa che a volte può risultare imbarazzante. Io personalmente la trovo divertente ed una di quelle cose che crea tanta intimità. Però questo quando sei con qualcuno con cui hai una certa confidenza, quando magari è un momento più en passant (diciamola così), devi trovare la modalità educata di spiegare all’altra persona le cose che ti piacciono e come ti piacciono. Nei porno nemmeno questa difficoltà c’è: ci si guarda negli occhi e si capisce che posizione si vuole prendere, quando passare al prossimo step, dove toccare, cosa fare e come farlo.

Orgasmo Multiplo Sincronizzato con doppio avvitamento

Non avrei potuto chiudere se non con la chiusura di ogni film per adulti che si rispetti, ovvero l’orgasmo o come dicono in alcuni riviste di alto livello “la ggioia”. Nei film porno l’orgasmo arriva sempre, per tutti, anche per chi è seduto e dorme in un’altra stanza. Vengono tutti, vengono sempre e – soprattutto – vengono insieme. Più precisi dell’orologio atomico i protagonisti delle pellicole a luci rosse si guardano negli occhi e PAM, raggiungono l’apice del piacere. Nella vita vera invece… si fa un po’ a turni, c’è chi nel frattempo va avanti anche due volte e qualche volta c’è chi invece non arriva nemmeno. I complessi quando voi e il vostro/la vostra amata non riuscite a sincronizzarvi vi son mai venuti? “Oddio forse non c’è intesa” “Cazzarola, magari non sto andando bene, non gli/le piaccio” e invece no, miei amici lettori, siete semplicemente amanti nel mondo reale, dove c’è chi ci mette di più, chi ha più difficoltà, chi ci mette di meno e chi invece sta bene anche senza venire.

 

Ma infondo non è così che è bello? Perché se è vero che tutte queste cose che vi ho elencato rendono il sesso nei film porno perfetto ed intrigante, lo rendono anche un po’ monotono: va sempre tutto bene! Forse i personaggi dei film che ci tengono compagnia nei momenti di solitudine ci invidiano invece il piacere della scoperta sempre nuovo, quando andiamo a letto con qualcuno di nuovo o il gusto del reinventarsi sempre quando si fa all’amore con il proprio partner fisso. E a questo punto io mi tengo anche le pernacchie pancia contro pancia, ne vale la pena.

Commenti via Facebook

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: