Halftime Show del Super Bowl: la classifica delle migliori esibizioni

Siccome questa notte (domenica 5 febbraio 2017) la storia degli halftime show del Super Bowl verrà completamente riscritta da un’iconica Lady GaGa, queste sono le ultime ore per fare una classifica che non sia influenzata dal mio amore incondizionato nei suoi confronti. (SPOILER: il fatto che io abbia anche un amore sconfinato per Michael Jackson potrebbe suggerirvi qualcosa sulla vetta della top 7 che vi apprestate a leggere).

Che cosa farà Lady GaGa? Si butterà da un aereo? Si esibirà sul tetto dello stadio? Andrà a cavallo? Ci sarà un tour? Ancora poche ore e avremo queste risposte. Nel frattempo, godiamoci la classifica.

7) Coldplay, Beyoncé, Bruno Mars (2016)

In teoria avrebbero dovuto essere i Coldplay i veri protagonisti dello spettacolo dello scorso anno. In realtà, quando chiami come ospiti Bruno Mars, ma soprattutto Beyoncé, davvero credevate che qualcuno avrebbe ricordato la vostra performance? Menzione d’onore per Queen Bee che, con il suo outfit, ha reso omaggio a Michael Jackson.

6) The Black Eyed Peas (2011)

Will.i.am, Fergie, Mauro Repetto e Benji di Benji & Fede insieme sullo stesso palco con una performance ipertecnologica che coinvolge tutto il campo da football. Difficilmente si è vista una setlist così tanto dance. E non c’è nulla di cui lamentarsi. Feat. le comparsate di Slash, Usher e

5) Janet Jackson & Justin Timberlake (2004)

Poche storie: questo halftime show verrà ricordato solo ed esclusivamente per il capezzolo di Janet Jackson (che ispirò poi Veronica Maya a Tale & Quale Show), ma questo spettacolo merita di essere in questa posizione per tanti altri motivi (ad esempio Nelly che canta Hot in Herre)

4) Beyoncé & Destiny’s Child (2013)

Nel 2016 non è stata la prima volta che Beyoncé ha calcato il palcoscenico del Super Bowl. Il suo debutto è avvenuto nel 2013 e anche in questo caso non era sempre sul palco: si è fatta raggiungere dalle Destiny’s Child che le hanno fatto praticamente da backing vocalist. Un palco e una scenografia piuttosto semplici giusto per voler ribadire che a Beyoncé basta essere sé stessa per fare un’esibizione coi controcazzi.

3) Katy Perry (2015)

Uno dei rari casi in cui avrei votato a favore di una performance in pre-rec. Per il resto, uno spettacolo davvero visivamente d’impatto.

2) Madonna (2012)

E se nella premessa vi ho già anticipato che al numero uno ci sarebbe stato il King of Pop, al numero due non ci poteva che essere la Queen of Pop: Madonna. Uno show sontuoso, in grado di ripercorrere tutte le tappe salienti della lunga carriera, finendo la performance come se fosse ancora una ragazzina. Immortale.

1) Michael Jackson (1993)

Gli artisti che si esibiscono durante l’intervallo del Super Bowl hanno a loro disposizione tra i 12 e i 13 minuti circa. Michael Jackson è stato l’unico artista che si è potuto permettere di trascorrerne almeno due o tre, fermo immobile, a farsi applaudire e acclamare. Credo non serva aggiungere altro.

Signor Ponza
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza

@signorponza

Andrea is like Emma Bunton: shy on the outside, but such a nasty bitch inside | Instagram, 👻: signorponza | @signorponzablog e #PZSQ (per 1/4) sono colpa mia
@_Sebs_ tu fatti bella per te - 2 ore ago
Signor Ponza

Commenti via Facebook

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: