Formentera Day 2 – Formentera, provincia di Milano

Sono preoccupato. Fin dalle scuole medie, quando ho dovuto scegliere la seconda lingua da studiare, ho sempre scelto il francese, snobbando lo spagnolo. All’università ho fatto invece un corso accessorio di portoghese, così utile che ora so contare fino a 1000 e descrivere la mia camera. Oltre a chiedere dove si trova un fantomatico Steve Harris che per qualche ragione nota ai soli autori del libro di testo era a Milano per non meglio precisati affari. Dunque sono preoccupato. Quando vado in un paese straniero e non so la lingua locale posso fare affidamento solo sull’inglese. Che, voglio dire, se ce la fa Simona Ventura posso farcela anche io.

Arriviamo a Formentera, ma forse abbiamo sbagliato destinazione. In giro vedo solo scritte in italiano. La padrona della casa che abbiamo affittato, Fernanda, ci accoglie con un “Ciao ragazzi, come state? Piacere, Fernanda”.

Bastano cinque minuti di permanenza su quest’isola per capire che la lingua ufficiale è l’italiano e che, più che di territorio spagnolo, si tratta di una colonia italiana. O meglio, milanese.

Ed esattamente come a Milano, di milanesi ce ne sono ben pochi. Ce lo conferma anche Fernanda. “Finalmente due coppie. Fino ad oggi sono venuti solo gruppi di ragazze e non hanno fatto altro che fare casino e distruggere gli appartamenti. Da dove avete detto che venite?”. “Da Milano”, rispondiamo. “Ah, ecco. Meno male che non siete del Sud“, è il commento della padrona di casa. Esattamente come a Milano, anche qui la discriminazione territoriale impera.

Trovare uno spagnolo su queste spiagge è praticamente un’impresa. Perfino i negozi hanno insegne italiane, sono gestiti da italiani e vendono marche italiane.

Tutti i miei timori sulla lingua vengono spazzati in men che non si dica. Ora la mia paura principale deriva dal non sapere parlare il dialetto napoletano.

Formentera, provincia di Milano

Nelle puntate precedenti:

Signor Ponza
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza

@signorponza

Andrea is like Emma Bunton: shy on the outside, but such a nasty bitch inside | Instagram, 👻: signorponza | @signorponzablog e #PZSQ (per 1/4) sono colpa mia
@DukeOfSuffolk B.A.S.I.C. - 3 ore ago
Signor Ponza

Commenti via Facebook

comments

  • duhangst

    Goditi la vacanza e fregatene di dialetti e lingue varie 😉

    • Ma infatti così è andata 😀 Per altro ci tengo a precisare che è tutto in differita, purtroppo è tutto già finito.

  • Porelli avete trovato una proprietaria di casa che ha paura dei Napoletani…eppure, non si ricorda che la sua cultura è stata parte di quella Napoletana per tanti anni. E poi, scusate, ma pretendevate di non trovare Milano in spiaggia andando nei periodi in cui tutti partono e in posti dove vanno tutti? Meno male che posso evitarli sti posti in piena estate 😉 Divertitevi e fregatevene di tutto

    • Sì, ma infatti ce lo aspettavamo. Soprattutto in una meta tipicamente milanese come questa, era solo per fare un po’ il simpatico in questo post. Comunque è tutto ovviamente andato alla grande e questo diario è in differita. Ahimè.

  • Pingback: Formentera Day 3 - La Fauna dell'isola - Così è (se vi pare)()

  • Pingback: Formentera Day 4 - #ChasingBobo - Così è (se vi pare)()

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: