Anatomia della festa della donna

Per fare un tavolo, ci vuole il legno, per fare gli auguri alle donne, ci vogliono dei fiori brutti e con un olezzo incredibile. Quei fiori che sembrano dirci auguri, ma non troppo. Non si è mai visto regalare un insetticida al posto di un profumo, ma chissà perché sono anni che dobbiamo pure dire grazie quando ci portano un tristissimo ciuffo di peluria gialla.

Io quest’anno vorrei dire basta!

Non alle lotte, non al riconoscimento dei pari diritti, ma basta a questo.

I messaggi ciclostilati
festa della donna auguri

 Amiche, no! Niente proverbi della nonna inviati a mo’ di catena di S.Antonio, ve ne prego. Invialo a tutte le tue amiche donne se vuoi farle sentire speciali!!!!! 

Cena con lo streap

Alle 09.00 inviamo messaggi di solidarietà femminile, ricordandoci di non essere mai come gli uomini, e alle 17.00 iniziamo a mettervi d’accordo per cene come queste, in cui ci trasformiamo nelle peggiori oche assassine, starnazzando come quando l’oca è inseguita dal tipo del patè. Non va bene.

La festa della donna dovrebbe essere ogni giorno

Questa è la frase preferita dei detrattori di questa ricorrenza. Poi però sono gli stessi che hanno criticato Emma Watson, notoriamente femminista, rea di aver posato con mezza tetta in vista su Vanity Fair. Come se il femminismo fosse mascherarsi tutto l’anno da Rosy Bindi.

Auguri doppi

L’ultimo pensiero va a chi, come me, è nato oggi. Stanca di sentirsi dire “auguri doppi! Uno per il compleanno, eh!”, seguito da quell’occhiolino malizioso che non ho ancora capito cosa voglia dire. Non che mi lamenti degli auguri, per carità, ma quell’occhiolino inquietante mi accompagna fin dall’adolescenza.

In conclusione, vorrei chiedervi se per voi è normale che ancora oggi abbiamo bisogno di un giorn per ricordarci che le donne hanno dei diritti, un giorno contro la violenza, e uno a favore della pace. A che serve se il giorno dopo è ancora tutto uguale?

Diana Prince

Diana Prince

Sono nata su un'isola e continuo a viverci. Ho una cultura appena sotto la media, ma da quando riesco ad avere accesso veloce a Google si nota appena. Odio arrivare in ritardo, ma anche arrivare in anticipo. Proprio per questo non mi presento mai da nessuna parte. Dopo aver visto diplomare Donna Martin non mi è rimasto nessun altro sogno nel cassetto.
Diana Prince

@wonderpepi

Una bio senza olio di palma
Anche questa chiavata è sponsorizzata dal caffè Borbone #altainfedelta - 6 giorni ago
Diana Prince

Commenti via Facebook

comments

  • L’ansia degli auguri doppi. Ti sono vicino.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: