Eurovision 2017: le canzoni in gara (4a puntata)

Dopo avervi scartavetrato le scatole per 3 settimane presentandovi la maggior parte delle canzoni in gara all’Eurovision Song Contest, oggi concludiamo con le ultime 10 e tiriamo un bel sospiro di sollievo.

c7416c4ef23789810739c9a8959eadd9_breathe-into-a-brown-paper-brown-paper-bag-gif_500-266

Per recuperare la puntate precedenti:

MACEDONIA | Jana Burčeska – Dance Alone

Annunciano la cantante a dicembre e poi tacciono fino all’ultimo giorno utile e tirano fuori (ancora) una bella perla elettro pop. Lei arriva direttamente dalla prima edizione di Macedonian Idol, ma Macedonia non si può dire perché i greci non la riconoscono quindi dobbiamo ricordarci che si dice FYROM (Former Yugoslav Republic of Macedonia… speechless). La sua giudice e fan numero uno è nientemeno che Kaliopi, la Marina Fiordaliso macedone. Giuro che non mi stupirei se facesse gli spot di kilokal per i balcani.

kaliopi

DANIMARCA | Anja – Where I Am

La Danimarca quest’anno se l’è dovuta andare a cercare in Australia. La bella Anja Nissen è nata e cresciuta dalle parti di Sydney, anche se i genitori sono Danesi. Lei partecipa a The Voice Australia nel 2014 e sbanca con il suo coach Will.i.am. Furbina prende il primo volo per Copenhagen e tenta di rappresentare il suo paese d’origine nel 2016, le va male e ci riprova di nuovo. La costanza l’ha premiata, lei nell’attesa ha inciso qualche traccia per la Disney. Genere: Sellerona

10390102_10152059007676993_5512165138547248058_n

ESTONIA | Koit Toome and Laura – Verona

Entrambi i cantanti sono facce conosciute all’Eurovision Song Contest. Laura ha rappresentato il suo Paese nel 2005 con il gruppo Suntribe (non qualificandosi per la finale) e ci ha riprovato altre 4 volte. Non si può dire di sicuro che sia di una bellezza folgorante e tanto meno che abbia buon gusto nel vestire. Koit Toome invece, oltre ae essere figlio di un ex Primo Ministro (i famosi raccomandati estoni), aveva partecipato ad Eurovision 1998 piazzandosi dodicesimo. La canzone è un tentativo ruffiano di riproporci Romeo e Giulietta persi per le strade di Verona. Un tentativo grottesco a tratti ridicolo.

tumblr_on19nqee2u1tlsda4o1_500

SERBIA | Tijana Bogićević – In Too Deep 

Ci hanno fatto penare fino all’ultimo, creando tantissima suspense e mettendo piccoli estratti della canzone online per stuzzicarci. Alla fine tutte le mosse sono state azzeccate: la Serbia si presenta con un pezzo bomba. Lei ha già fatto la corista a Düsseldorf nel 2011 e quindi sa come muoversi sul palco. Sono pero’ dovuti andare a scomodarla negli Stati Uniti, dove vive da ormai qualche anno (probabilmente per fare un percorso simile a Melania Trump). Inutile dire che la canzone acchiappa e la coreografia del video l’abbiamo già vista fare da Anbeta altre ottomilavolte.

wsi-imageoptim-Tijana-Bogicevic-In-Too-Deep

OLANDA | OG3NE – Lights and Shadows

Tre ragazze bellissime, tre sorelle furbissime. Ma queste sono Olandesi e due di loro sono pure gemelle. Hanno rappresentato il loro paese al Junior Eurovision Song Contest (sì, quella roba lì  su cui ha messo le mani pure la Clerici). Poi vincono The Voice of Holland e diventano il primo ed unico Trio  al mondo ad aver vinto The Voice. Quando la tv olandese le sceglie il Paese esce completamente pazzo, anche se forse avrebbero dovuto prima ascoltare la canzone. Perché francamente…

hqdefault-1

LITUANIA | Fusedmarc – Rain of Revolution

E te pareva che potesse mancare l’ennesimo pezzo elettro pop? Certo che no. La Lituania ci regala un nuovo momento psichedelia. Performance già carichissima di grafica e con una post produzione spintissima (che da casa riuscirete a vedere, dal vivo un po’ meno). Tutto merito del terzo misterioso membro dei Fusedmarc, il visual designer (sarà una job description che significa “vetrinista”?) Stasys Žakas. Noi della Redazione comunque ancora non capiamo perché i Lituani non abbiano optato per la più sobria Lolita Zero (o forse un po’ lo capiamo).

R_K_6574-1

UNGHERIA | Joci Pápai – Origo

Per la serie la ami o la odi. Etnica, folk, rap. Nel complesso si distingue molto dal mucchio e, giustamente, anche per il look molto sopra le righe (un po’ Mariachi, un po’ Lady Gaga, un po’ Raiz). Questa lingua un po’ ostica non lo aiuta, ma anche dimenticasse le parole vai te a saperlo.

D__YT20170218066-1280x640

NORVEGIA | JOWST – Grab the Moment

E vai con l’ennesimo pezzo elettro pop (io già PIENO)! In questo caso aggiungerei anche un capolavoro di testo macabro. A uno che ti dice “I put my nerves in the coffin” voi cosa volete rispondere? Io chiamo direttamente la neuro. Consoliamoci comunque perché i Norvegesi potevano scegliere ben di peggio, ad esempio il gruppo di rocchettari fuori tempo massimo arrivato secondo. Se arrivasse in finale sarebbe un mezzo miracolo.

jowst

BULGARIA | Kristian Kostov – Beautiful Mess

Questa ballata grida “Ti lascio una canzone” da tutte le parti. Siamo arrivati al momento #CBCR, o anche no. Signori miei, siamo di fronte a un 2000, uno di quelli che a Sanremo giovani non canterebbe mai perché dopo la mezzanotte il Moige piange. Riassumiamo la lunga carriera di Kristian. È nato a Mosca e ci vive, ma i genitori sono Bulgari. Partecipa a The Voice Kids nella squadra di Dima Bilan (Eurovision 2006 e 2008) e arriva fino alla finale. Ci prende gusto e va a X Factor Bulgaria, dove arriva secondo. Se tanto mi da tanto non vincerà nemmeno a questo giro.

Schermata 2017-03-29 alle 00.21.23.png

BIELORUSSIA | NaviBand – Historyja Majo Zyccia

E chiudiamo con un bel country bielorusso in bielorusso. Si presentano con i costumi tradizionali un po’ rivisitati. Lui un po’ scozzese, lei un po’ Principessa Leia, ma anche un po’ Chibiusa. Ci lasciano un po’ interdetti perché la canzone è ben lontana dai fasti del puttanpop bielorusso, dai fuochi d’artificio, dai lupi e dalle tette & chiappe on stage. Insomma, i Bielorussi sanno sempre come stupirci. Nel bene e nel male.

navi-1

Adesso potete ritenervi prontissimi ad affrontare l’Eurovision Song Contest. Non vi resta che aspettare l’inizio dell’Eurofestival su Signorponza.com e Radio Stonata con una puntata speciale di PZSQ. Appuntamento al 7 maggio!

claussibraun

Milanese espatriato, vivo a Bruxelles. Parlo almeno 3 lingue al giorno, ma non sempre le stesse. Delle volte sogno anche coi sottotitoli.
Eurovision Song Contest connoiseur, le 5 presenze in loco fanno da garanzia. Viene da se che amo la musica pop, magari anche un po’ baraccona ed appariscente. Una canzone uptempo con un key change, un ventilatore e dei lustrini e sono contento. Se la canzone è svedese, sarò vostro per la vita.

Latest posts by claussibraun (see all)

Commenti via Facebook

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: