Demi vs Selena: a qualcuno piace Disney!

Ogni volta che inizio a scrivere un articolo mi sento come una Chloe Sullivan qualunque – il che non è molto positivo visto che è tipo il personaggio meno calcolato del mondo dei telefilm. Stasera sono al pc a scrivere il mio primo post per il blog del Signor Ponza. Sono molto onorato perché, dopo avermi voluto e cercato in ogni maniera possibile aver pregato mio fratello (essì, ho un fratello famoso, lo conoscete Seriesly?) in ogni lingua conosciuta e non (penso di averlo convinto col serpentese), sono finalmente approdato anche io sul Pianeta Ponza! Ora, voi li conoscete meglio di me, sono tutti bellissimi e bravissimi e – soprattutto lui – Ponza himself, incutono un certo timore reverenziale, ma io sono cresciuto a pane, acqua, Buffy e Veronica Mars, quindi un po’ le ossa me le sono fatte.

Io e Veronica Mars non siamo solamente biondissimi (ce l’avete un biondo naturale in redazione mica, Ponzini, eh?), ma entrambi siamo anche molto ostinati e testardi: se ci troviamo davanti una matassa da sbrogliare non ci tiriamo certo indietro (magari rischiamo di rimanere imbrigliati tra una cosa e l’altra, ma queste sono sciocchezze) e, soprattutto, se ci si presenta un caso davanti… che fai, non vai a fondo?

tumblr_lnt1aleizg1qhnx85o1_500

Come la mia gemella Veronica mi perdo tra polpettoni e voiceover, ma quello di cui volevo parlarvi oggi è un’importante questione che pare sia oggetto di lunghi dibattiti nella Stanza Ovale (soffiata della mia carissima amica Shonda, how Barbara of me!):

È meglio Revival di Selena Gomez o Confident di Demi Lovato?

Lo so bene che non è un argomento facile da trattare, e so bene che mi troverò lettere minatorie sia dai Selenator che dai Lovatic, ma qui bisogna fare un po’ di chiarezza perché Demi e Selena sono un po’ le nuove Britney e Christina (seeee, vabbè, credeteci) e penso che Il Signor Ponza debba prendere una posizione a riguardo.

tumblr_static_vm_3x04_cds_320

Hanno entrambe 23 anni, sono tutte e due state partorite dalla scuderia Disney (per chi non lo sapesse, Demi Lovato era tra le star di School of Rock – ovvero la versione per poracci di High School Musical, e Selena Gomez era la protagonista de I Maghi di Waverly, insieme a quel figaccione di David Henrie che è stato una delle mie teen crushes anche se ora non so neanche più che fine abbia fatto), e tutte e due hanno deciso di dedicarsi al mondo della musica, chi in maniera full time, chi part time.

Voglio dire, di somiglianze ce ne sono proprio tante; pare che l’unica differenza sia che Demi Lovato abbia gusti migliori in fatto di giovanotti, visto che Selena Gomez è piuttosto nota per la sua love story con Bieber. Non lo chiamo Justin perché di Justin ce n’è uno solo, e basta.

A distanza di una settimana, comunque, negli States sono usciti i nuovi dischi di Demi e Selena, rispettivamente Confident e Revival. E noi dobbiamo fare un po’ di luce sulla questione, ma andiamo per punti.

IL PRIMO SINGOLO

primo_singolo

Se noi abbiamo passato l’estate a urlare come fossimo nati tutti sotto lo stesso sole, negli States Cool For The Summer e Good For You sono state due delle canzoni di maggiore successo. Entrambe hanno scelto di fare qualcosa di diverso rispetto al loro repertorio: Demi diventa sexy e sboccata con un brano pop prodotto da Nostro Signore Max Martin, mentre Selena Gomez interpreta la lolita dei nostri tempi in un brano R&B. Beh, inutile dirlo, ha stravinto Demi Lovato perché d’estate vogliamo essere tutti donnacce dai facili costumi, e quindi SHHHHH! DON’T TELL YOUR MOTHER.

LA COPERTINA

album_cover

Qualcuno ha detto che anche le copertine si somigliano? Se Demi Lovato ha deciso di ispirarsi a Stripped, Selena ha chiaramente preferito un altro classico, ovvero Britney Jean. In realtà le trovo molto belle entrambe e se un po’ ci pensate, Demi nella sua sembra una peripatetica qualunque perché oh, what’s wrong with being confident?, mentre Selena festeggia il suo revival con una posa fetale. Molto significative. Questa volta vince Selena!

LIVE

livez

Porto come prova davanti alla giuria (oh, mi sento molto Annalise Keating ora) due esibizioni in particolare, ho scelto la migliore per entrambe così non si prende collera nessuno.

Demi si è esibita sabato scorso al Saturday Night Live con un medley di Cool For The Summer e Confident. Chiaramente sta prendendo parte alle infamous lezioni online di canto tenute da Christina Aguilera, perché qui strilla come un’orca assassina. Truth to be told, l’energia e la voce sono innegabili, la presenza scenica un po’ meno.

Qui invece abbiamo Selena all’Ellen Show. Se andate oltre il fatto che sembra una scopa e che appare un po’ svociata, non notate quanto è bella e tenerella? Adorabile.

IL DISCO

album_cover

Veniamo al piatto forte, il disco. Essì, ho riciclato l’immagine di cui sopra perché sono pure le 22.17 eh.

Sia Confident che Revival hanno un tema portante: per Demi è il sentirsi finalmente padrona di se stessa, mentre per Selena è la rinascita in seguito ad un periodaccio.

Demi urla (ma strilla per davvero eh, mica in senso figurato) la sua indipendenza in un disco pop che, purtroppo, suona stantio e che sarebbe stato accattivante se rilasciato tipo 5 anni fa. Però la sua voce, nonostante non la sappia ancora utilizzare benissimo, colpisce nelle ballad come For YouStone Cold (non vi linko l’esibizione al Saturday Night Live perché altrimenti vi sanguinano le orecchie), Yes, Lionheart e Wildfire. Confident è un po’ un’occasione sprecata: con Cool For The Summer come apripista le aspettative erano alte, e invece nel disco non c’è nient’altro che suoni come una hit (c’è anche la copia di Black Widooow baby, Kingdom Come che poi è proprio un duetto con Iggy Azalea).

Selena Gomez invece, nonostante le flebili doti canore, regala più di una sorpresa con Revival: vi consiglio di ascoltare Revival, Sober, Nobody, Survivors e la particolarissima Hands To Myself (che porta la firma di Max Martin, e vi pare che non mi piaceva?). Decisamente più coeso e maturo dal punto di vista delle sonorità e dei lyrics rispetto alla passata discografia della cantante, lo trovo più convincente, un passo avanti.

NUMBERS ARE IN – Al momento non sappiamo ancora i risultati in termini di charts di Confident, ma Selena Gomez ha già vinto la sua battaglia debuttando alla numero uno della classifica degli album più venduti in America, con oltre centomila copie. Quale sarà il risultato di Demi Lovato?

E voi, che ne pensate? Li avete ascoltati? Le avete mai sentite nominare? Ora non fate finta di essere tutti fan dei Sigur Rós perché a) siete falsi, falsi, c***o! b) vi mando una nota vocale con uno strillone di Demi Lovato che vi stendo.

È TEMPO DI PRENDERE POSIZIONE!

[playbuzz-item url=”//www.playbuzz.com/andrear15/demi-vs-selena-a-qualcuno-piace-disney”]

Last but not least, caro signor Ponza, ti è piaciuto il mio primo post?

tumblr_lpuzg8K13h1qc67tzo1_500

Commenti via Facebook

comments

  • Comunicazione di servizio: prima di continuare a leggere vorrei confermarti che David Henrie puo’ benissimo evolversi a tua adult crush, come dimostrato qui sotto:

    https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/236x/57/6b/22/576b22d76e5f3401956435fbdf3e9e23.jpg

    • Ma io lo tengo d’occhio già da tempo.

      • Tu si, infatti era per questo nuovo virgulto del blog che dice di averne perso le tracce 😛

        • Hai visto che li scegliamo sempre bene i collaboratori?

  • Visto che vengo chiamato in causa, mi vedo obbligato ad esprimermi:

    1) Pezzo pazzesco!
    2) Team Demi sempre e comunque. Amo di più la puttan pop cippettona che quella finta radical chic. (Sebbene l’album di Selena mi piaccia).

  • Ho amato il post e sinceramente non so schierarmi. Non dimentichiamo che Selena ha anche preso parte al capolavoro Springbreakers, quindi…
    Che top comunque i fratelli Busillo, vi immagino un po’ come Scamarcio e Preziosi in mine Vaganti <3

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: