Acqua: il bene più prezioso

Che l’acqua sia un bene prezioso e da tutelare l’abbiamo iniziato a capire grazie alle varie campagne nate su Facebook del tipo “Save water, drink champagne” o “Save water, shower together”. Ovviamente io ho subito preso la palla al balzo trasformando due mie grandi passioni in un’azione volta a tutelare il patrimonio di risorse naturali della Terra.

Scherzi a parte, nonostante siamo portati a dare quasi per scontato che l’acqua sia e sarà per sempre illimitata perché di fatto ce l’abbiamo sempre a disposizione, purtroppo sappiamo che non è così. Ed è per questo che diventa fondamentale eliminare tutti gli sprechi di cui ci rendiamo spesso (inconsapevolmente) protagonisti e, allo stesso tempo, bisogna lavorare affinché vi sia una maggiore sensibilità da parte di tutti su questo tema.

È quindi cruciale riuscire a promuovere una cultura volta a tutelare il bene più prezioso che abbiamo e che, inevitabilmente, deve partire dai più piccoli. In quest’ottica, è nato il progetto realizzato da Ferrarelle e dall’artista Emiliano Ponzi in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua promossa dalle Nazioni Unite. Il modo migliore per capire di che cosa si tratta è guardare questo breve video per #FerrarelleWaterDay:  http://bzle.eu/ferrarelle-613-au/X9Z57VKLSFJAYQ4CPB29.

La trovata geniale consiste dunque nell’aver realizzato un libro illustrato per bambini nel quale l’acqua è protagonista. L’acqua però non è colorata, è bianca, e il pennarello azzurro fornito ai piccoli lettori non è sufficiente per riempire tutti gli spazi bianchi, rendendo in questo modo evidente in concreto il problema della scarsità delle risorse.

Acqua Bicchiere Emilio Ponzi

[Immagine realizzata da Emiliano Ponzi]

Ora lo so che il libro è destinato ai più piccoli, ma so anche che in questi mesi si sta diffondendo sempre di più la moda dell’Art (o Color) Teraphy, quindi non escluderei che la pubblicazione possa essere anche fruita da un pubblico più ampio, sensibilizzando e rendendo protagonisti del cambiamento non solo i giovanissimi, ma anche gli adulti.

Buzzoole

Commenti via Facebook

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: