Le 10 Top canzoni di Tiziano Ferro

Non so voi, ma appena è stato rilasciato il nuovo singolo del nume tutelare della musica italiana che Mina resta pure in iSvizzera a cagliare il formaggio, ovvero Tiziano Ferro nostro, la mia vita è cambiata da così a così. Praticamente sono 24 ore che ascolto solo la discografia di Tiziano gridando ogni volta per i capolavori infiniti che ha realizzato in questi ultimi 12 anni di musica e che hanno contribuito a farmi diventare la persona che sono oggi.

Siccome tra qualche settimana uscirà il Greatest Hits di TZN, quale migliore occasione per offrirvi:

LE 10 MIGLIORI CANZONI DI TIZIANO FERRO

Premessa: la classifica è mia, è soggettiva e ovviamente le canzoni sono state scelte sulla base dei miei gusti e delle cose che hanno significato per me. Non vi dico gli insulti che mi sono stati inviati su Whatsapp da parte di alcuni membri della redazione di Signorponza.com, insulti che proprio non me lo so spiegare (BA DUM TSSS).

Honorable mentions: per pochissimo non sono entrate in classifica Sere nere (111), Xverso (111), Le cose che non dici (Rosso Relativo), Alla mia età (Alla mia età), La Fine (L’amore è una cosa semplice – cover)

10. L’olimpiade (Rosso Relativo)

La canzone migliore del Tiziano R’n’B che tanto ci piace: arrangiamento raffinato e testo positivo. Con l’album Rosso Relativo il cantante viene fuori con una proposta moderna e internazionale, molto radiofonica e vendibile. Tiziano è poco più che ventenne e si affaccia al mondo: solo in lontananza, e in altre canzoni dell’album, si scorgono i primi segni dei suoi tormenti che noi megere della disperazione stiamo già bramando.
Tatuaggio: Salta / La distanza che separa i tuoi sogni dalla realtà / Bruciala, sfreccia e va..sgomma!!

9. Hai delle isole negli occhi (L’amore è una cosa semplice)

La svolta swing da crooner dell’ultimo CD farà storcere il naso a qualcuno, me compreso, ma Hai delle isole negli occhi è un vero pezzone. Una canzone d’amore con un beat profondo e rilassato, una dedica a una persona amata come se ne scrivono poche oggi, e un titolo tra i più belli della sua carriera. E lasciatemelo dire, ma quel “io TI A-M-O” è geniale.
Tatuaggio: la tua timidezza non condanna, no no / ma ti eleva da chi odia, chi ferisce e inganna

8. La differenza tra me e te (L’amore è una cosa semplice)

Il primo singolo dell’ultimo album è dirompente (almeno per la musica italiana), nuovo, energico e pieno di vita. Una svolta elettronica melodica, vagamente rock, piena di forza e grinta: è la musica di Tiziano post coming out. La canzone parla di due persone o piuttosto è un monologo tra le due anime di Tiziano Ferro? Comunque sia, il risultato è un vero e proprio inno.
Tatuaggio: ma se un bel giorno affacciandomi alla vita / tutta la tristezza fosse già finita / io verrei da te

7. Salutandotiaffogo (Nessuno è solo)

Una delle canzoni più quotabili dell’intera discografia di Tiziano, e forse, anche per questo, risente un po’ dell’atmosfera generale da Smemoranda. Salutandotiaffogo esce però dal canone delle breakup song tradizionali grazie a un arrangiamento sanremese particolarmente ispirato e a uno dei più bei bridge della sua carriera. Una canzone che colloca immediatamente il cantante nella grande tradizione melodica italiana di Baglioni & Co. (e non è un’offesa).
Tatuaggio: E mi ritrovo a non capire mentre il giorno muore / ed ogni notte era amore / ed ogni giorno era un errore

6. Ed ero contentissimo (Nessuno è solo)

Nessuno è solo è un album che scava dentro la psiche di una persona profondamente tormentata, e Ed ero contentissimo è un vero gioiello, simbolo di quello che è uno dei più grandi pregi del Tiziano autore: la costruzione delle immagini. La canzone parla al passato, una coppia che si amava e che adesso non c’è più, una canzone come tante: poi improvvisamente arrivano Amsterdam, due persone sotto la pioggia, le candele, un letto sfatto. E si apre un abisso di verità.
Tatuaggio: In fondo eri contentissima / quando guardando Amsterdam non ti importava / della pioggia che cadeva…

5. E fuori è buio (Nessuno è solo)

Accendini accesi e coreografia da stadio per inaugurare la top 5 di Tiziano. E fuori è buio è uno dei grandi best seller della carriera di Tiziano, una di quelle canzoni destinate a rimanere nel tempo. C’è poco da girarci intorno: il testo è bello, citabile, diretto e l’arrangiamento segue un crescendo che non può non commuovere. Il risultato è una canzone che vorresti avere di nuovo 16 anni per riconoscerti in questa visione assoluta dell’amore.
Tatuaggio: Ho passato tanti anni in una gabbia d’ oro / Sì forse bellissimo, ma sempre in gabbia ero

4. Il bimbo dentro (Rosso relativo)

A proposito di 16 anni, arriva al quarto posto una delle mie canzoni preferite di Tiziano e una delle più vecchie della sua discografia. L’affetto che provo per Il bimbo dentro è quello che potrei provare per un libro letto durante l’adolescenza o per un caro amico che ho perso di vista da un po’. In poche parole: la canzone parla di me e del mio passato, ed è forse questo che rende grande Tiziano, la capacità di arrivare diritto dove vuole.
Tatuaggio: Che stringo a tutti i costi i denti / e pur di non scoprirmi mi tiro indietro un po’

3. La tua vita non passerà (Alla mia età)

Ho cercato di mettere un po’ di varietà nella lista, ma non ce l’ho fatta: Alla mia età rimane il disco capolavoro della sua carriera, e la mia TOP 3 arriva tutta da quel lavoro. La tua vita non passerà è un’altra di quelle canzoni che si piazzano a metà strada tra la tristezza autoindulgente di chi ama piangersi addosso (me) e la speranza di chi non rassegna una vita al fallimento e decide di continuare a combattere (e a fidarsi degli altri). Ancora una volta la disperazione fine a se stessa non ha ragione di essere nell’universo poetico di Tiziano: gli abissi esistono solo per insegnarci a vivere.
Tatuaggio:  la tua vita io non la rassegno ad ogni fallimento / la tua vita la affido al vento

2. Fotografie della tua assenza (Alla mia età)

Lo so, Fotografie della tua assenza al secondo posto può essere un affronto. È indubbiamente una canzone minore, e forse la più “romana” del gruppo. Eppure. Eppure ha forse il ritornello più bello della sua carriera e un testo malinconico che ha bisogno di diverse letture per “arrivare”: non è sicuramente immediata come una Sere nere, per intenderci. L’arrangiamento pone questa canzone sulla scia dei grandi classici della musica italiana, con sfumature che possono ricordare Venditti, Zero o il già citato Baglioni. Tiziano è finalmente un maestro.
Tatuaggio: Che anno era quando il temporale non voleva farci uscire più / che giorno era, quale calendario / se ci provo non me lo ricordo

1. La paura non esiste (Alla mia età)

Ho sudato per scegliere le canzoni da inserire in classifica, ma fin dall’inizio sapevo benissimo quale sarebbe arrivata alla numero uno. Dopo La tua vita non passerà e Fotografie della tua assenza, la “trilogia della negazione” si chiude con il sommo capolavoro di Tiziano: La paura non esiste. Al di là del titolo che è già epocale, chiaro ed esplicito nel definire il tema della canzone, questo pezzo si apre a migliaia di interpretazioni e raccoglie in sé tutti i più grandi topic della sua poetica: il sottile piacere della tristezza, il bisogno di affondare per rinascere, la non-necessità del perdono, il bisogno carnale di aprirsi all’amore. Con questa canzone Tiziano parla a te, a me, a se stesso e la verità viene fuori come un macigno pesante: in questo mondo non esiste l’errore, non c’è la paura, ma esistiamo solo noi e l’amore.
Tatuaggio: Hai bisogno hai bisogno di esser triste / Lo vuoi tu però l’errore non esiste

Le Top Logo

[Vorresti proporre un argomento per una nuova classifica de LETOP? Faccelo sapere nei commenti a questo post]

Filodrama

Sono nato sabato grasso di Carnevale e vabbè, ho già detto tutto. Mi piacciono le montagne russe e i parchi di divertimento, la perfezione degli alberghi, le poltrone. Non mi piacciono le persone che vincono nella vita. Ho un brutto rapporto con l’entusiasmo, nel senso che non ce l’ho quasi mai e quando mi viene sarebbe meglio non averlo. Ho studiato cinema ma faccio tutt’altro, non colleziono cose simpatiche e non ho un hobby da rivendermi nelle conversazioni con la gente. Vivo a Milano, e la amo senza riserve.

Commenti via Facebook

comments

  • Corro a ri-ascoltare “Alla mia età” perché conosco tutte quelle che hai nominato escluse quelle in Top 3 e mi sento una brutta persona.

    • Sappi che “La paura non esiste” non uscirà mai più dalla tua testa.

    • Idem io, e comunque Sere Nere e La Fine fuori dalla top 5 mi fanno gridare a brogli elettorali che manco fossimo in Kazakistan.

      • Secondo me c’è lo zampino della EMI.

        • Si, e anche di quel bear che faceva il concorrente a Masterchef, io me lo sento.

          • E del conduttore del TG5

          • oddio quello me lo son perso! chi e’?? se non vuoi dirlo qui DM in twitter ASAP, come abbiamo fatto l’altro giorno 😛

          • Dicheno Alberto Bilà, ma era un rumor di molti anni fa. Pre-comingout tra l’altro. Prego regia agevolare la diapositiva.

          • oddio e’ vero mi sovviene adesso… mamma mia se fosse vero… povero tizianuccio!

  • Vorrei incatenarmi alle porte della redazione del blog per protestare per l’assenza di “In bagno in aeroporto”, “Baciano le donne”, “Primavera non è più” e “Xverso” che ti salvi solo perché l’hai menzionata.

    • Filo

      se è per questo ho lasciato fuori anche “Il sole esiste per tutti” e “la traversata dell’estate”, non so se dormirò stanotte

      • Ma mi rendo conto solo ora che non hai messo nemmeno Ti voglio bene (e Centoundici)

      • oddio santo è vero, mi hai lasciato fuori pure “Il sole”… Sei una persona molto cattiva e infingarda.

    • ODDIOAAAHHH! Colpo di scena! Ho letto tutto il post come se fosse tuo Ponzie! Ma… ti eri impossessato della mente di Filo? Normalmente lo riconoscerei ma in questo post ERI TU! AAARGHHH! Quindi ora so con chi prendermela se praticamente nella top 10 sono d’accordo solo con “E fuori è buio”!!!

      • Devi sapere che Filodrama è da sempre un maestro a cui mi ispiro. Lui è per me Simona Ventura e io sono Victoria Cabello.

        • Vicky >>>> Simo ormai, quindi Filo attento a te!

          • Filo

            senti bello mi sto già levando gli orecchini a cerchio

          • faccio partire can’t hold us down di Christina Aguilera? Aspetta che mi do due mani di fondotinta e son pronto.

    • Ma una “top 63” con tutte le canzoni così non rischiamo esclusi? <3

      • Qui rischiamo di fare la fine di Israele e Palestina altrimenti

  • Ilalicious

    A me piace tantissimissimo Imbranato. Un po’ DM come piace a me.

    • Filo

      che capolavoro anche quella

    • Cazzo vero, che canzone top!

    • Non lo so, io non le avrei dato comunque un posto nella top 3.

  • LeoneLewis

    sono d’accordo sulla prima posizione, forse…
    chiaramente non rispecchia quella che avrei fatto io ma sarebbe interessante vedere quello che può esserci in comune se ognuno di noi facesse la sua top10

  • E’ scelta così ardua (cit.) che dovrebbero esistere diverse top10 di TZN:

    Tiziano for Donnemerde
    Tiziano, i grandi classici
    Tiziano, canzoni non capite
    Tiziano, i singoli che avrei voluto

    • LeoneLewis

      Tiziano Dance

    • Tiziano for Donnemerda è l’unica che ha validità internazionale ed è approvata dall’associazione dei dentisti americani (.cit).

    • Io sarei re della classifica delle canzoni non capite. Vedi Soul-dier.

  • Io ti rovino!

    Imperdonabile lasciare fuori Alla Mia Eta’. Ti sei meritato un tweed di odio da Amanda Bynes, Filo.

  • Premesso che questo post è il mio preferito di sempre più di tutti i post di Una cucina per Chiama messi insieme, sento fortissima la mancanza di 111 e Sere Nere in classifica anche se devo dire che ad ogni canzone presente ho esclamata: che canzone top!

    • 111 la amo anche io come amo il tuo spam di Una cucina per Chiama

  • Ecco finalmente dopo aver spizzicato i titoli durante il lavoro a commentare questo post!

    Sono molto d’accordo su alcuni titoli, in particolare Salutandotiaffogo, Il Bimbo Dentro (che se non c’era aro pronto ad urlare) e soprattutto La Paura Che, che anche io metterei al primo posto.

    Per il resto però, secondo me, le migliori canzoni di Tiziano sono Eri Come L’Oro Ora Sei Come Loro (un piccolo capolavoro dell’R&B italiano!), Tarantola D’Africa (la canzone con il testo più bello della sua carriera, per quanto molto personale e criptico), La Paura Non Esiste (una melodia fantastica), Assurdo Pensare e Troppo Buono (commerciale ma col testo davvero tosto).

    In generale comunque Nessuno E’ Solo resta uno dei dischi più belli, forse al pari con Alla Mia Età (a parte le cagate tipo Per un Po’ Sparirò, La Traversata dell’Estate)

    • Non mi ero accorto che mancasse ANCHE Tarantola d’Africa. La mia personalissima seconda posizione.

      La prossima volta faccio calare la scure della censura bolscevica.

  • comunque posso dire una cosa? a me per ora senza scappare mai piu NON piace 🙁

    • COOOOOSAAAAA?

      • non e’ abbastanza triste!

        • Filo

          perché non leggi tra le righe!

          • e annamose a leggere tra le righe… che fatica l’ArteH.

  • Gelido

    premetto che non sono capace di fare classifiche ma sono davvero basito dal fatto che nè il pregatissimo signor Filodrama nè i commentatori che mi hanno preceduto abbiano mai citato L’amore è una cosa semplice, che io trovo una canzone splendida e mi commuovo ad ogni ascolto (come ha fatto anche Tiziano nello speciale Tg1 di Mollica riascoltandola…).
    Detto questo, concordo sulla bellezza strabordante di La Paura Non Esiste, ribadita dalla altrettanto splendida versione di Fiorella Mannoia (il primo che fa un commento negativo sulla Mannoia verrà perseguitato dai miei troll personali anche in sogno!!!) che vi invito ad ascoltare.
    Infine sono contento di ritrovare un concetto che io predico da molti anni: Tiziano è l’erede naturale di Baglioni e ha fatto evolvere il suo tipico “romanticismo del quotidiano” (ve piace la definizione? inventata adesso 😉 con un sano innesto di moderno r’n’b. Ve lo dice uno che ha mangiato pane e Baglioni per vent’anni (tesserato CLAB per intenderci…). Anche se le mie colleghe baglioniane, quando lo dico si irrigidiscono un bel pò (ma forse perchè non vogliono accettare che Baglioni abbia ormai ceduto lo scettro!).

    • Qui mi citi due artisti (Mannoia e Baglioni) sui quali sono poco preparato e nello scrivere questo commento mi sembra come se stessi camminando sulle uova. Non sapevo per altro che la Mannoia avesse fatto la sua versione de La paura non esiste, che mi sono andato ad ascoltare (http://youtu.be/qCjcEWQNXV4) però, ecco, come dire… Non è all’altezza dell’originale pur rimanendo lei bravissima e bellissima 😛

      • Gelido

        le uova si sono rotte… 🙁 …vabbè faremo una frittata!

    • Filo

      anche io lo dico da una vita, Tiziano mi ricorda moltissimo Baglioni e il suo modo di scrivere, quella poesia del quotidiano, come dici tu, quei sentimenti fortissimi e un po’ melò. Che bello!

  • alepuntoacapo

    noi de L’ora di latino per piacere e per dovere avremmo voluto ‘Indietro’ perché siamo linguisti e ci piacciono i giochi di parole (tatuaggio: notizia è l’anagramma del mio nome vedi) e perché il video è girato a Sirmione, cantata dal nostro amato Catullo

  • Pingback: #XF8 Live puntata 1 - L'Italia non è pronta per il Pop()

  • Pingback: "Il Mestiere della Vita" di Tiziano Ferro: la nostra recensione in GIF - Signorponza.com()

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: